​Dori Ghezzi.⚫ Parliamo di Lei

​​​​Dori Ghezzi.- Parliamo di Lei

Parliamo di Dori Ghezzi

E lo facciamo con piacere e con leggerezza, senza correre il rischio di diventare pedanti. Perchè tanto, bene o male, le cose su di lei le sappiano un pò tutti. 

A partire dalla sua città (cittadina) natale: Lentate Sul Seveso, nel comune di Milano. A diciassette anni inizia l’attività come cantante. Un anno dopo già si esibisce in provincia con discreto successo. 

Ma è nel 1967 che grazie ad un concorso radiofonico si fa notare e la Durium le prospetta un contratto che naturalmente lei firmerà senza indugio. 

La mandano al Festival Delle Rose insieme a Memo Remigi e Santo & Johnny. 

Canta VIVERE PER VIVERE, dalla colonna sonora del film omonimo, scritta da Francis Lai con le parole in italiano di Franco Califano.

Il suo secondo disco è ISABELLE, dove Dori sfodera un’insospettata carica interpretativa. La canzone è accoppiata a MI DOMANDI CON GLI OCCHI, scritta da Claudio Mattone. 

Terzo singolo è PAGINA UNO, uno shake lento (che sicuramente piacerà al mio amico Andrea!), scritto da Alberto Testa e Bruno De Filippi. 

Retro, L’ULTIMISSIMA VOLTA.

Ma è il quarto disco (siamo già nel 1969) che fa “esplodere” Dori Ghezzi: CASATCHOCK.

Canzone che uscita nel febbraio di quell’anno, diventerà un hit primaverile che si protrarrà fino all’estate. 

Sarà perchè erano di moda i Fratelli Karamazov (lo sceneggiato tv con Corrado Pani ed Umberto Orsini), sarà perchè arrivava poco dopo un’altra ballata in stile russo (THOSE WHERE THE DAYS), sta di fatto che CASATCHOCK diventa un grande successo.

Su tutti i giornali Dori Ghezzi “insegna” a ballare il Casatchock indossando un mini vestito da cosacco ed un colbacco in testa. 

Le affibbiano amori con Mal, Massimo Ranieri e Rossano; caso strano, i trionfatori dell’estate ’69 (Tessuto a parte)

E proprio con Rossano, partecipa a Sanremo 1970 cantando OCCHI A MANDORLA.

Vengono buttati fuori e per Dori Ghezzi inizia un momento di stasi.

Le canzoni non le mancano ma chissà perchè non “sfonda” definitivamente.

Per colpa del suo repertorio che oscilla pericolosamente tra il serioso (POVERO RAGAZZO) e lo scanzonato (MA CHI E’ CHE COS’E’)? 

O perchè l’Italia, musicalmente parlando, è al suo top e trovare un buco per potersi infilare è difficilissimo? Propendo per quest’ultima ipotesi.

Anche se – con la canzone giusta – probabilmente ce l’avrebbe fatta. 

Ce la fa inaspettatamente in coppia con un altro cantante della Durium da anni “tra quei che son sospesi”: Wess. Che per me è fantastico. 

Lui funzionava egregiamente dal vivo ma a parte un paio di singoli, di dischi non riusciva a venderne molti. 

Ora, ne basterebbe mezzo di Wess, per risolvere a quei merdosi dei discografici un mucchio di problemi (che spero vivamente non risolvano mai)

Insieme lanciano VOGLIO STARE CON TE, la versione italiana di UNITED WE STAND dei Brotherhood Of Man, uscita due anni prima. 

E’ la fine del 1972: la coppia “caffellatte” entra in classifica.

Ma questo non impedisce ai due di avere una carriera parallela come solisti.

Ma se quella di Wess va a gonfie vele, quella di Dori fatica a decollare.

Nel 1973 incide un long playing di quasi tutte cover e il singolo che lo precede è NON CI CONTAVO PIU’ accoppiato a ADAMO ED EVA. 

La prima è la versione italiana di BEN di Michael Jackson. La seconda è ADAME ET EVE di Sheila.

Dori Ghezzi accantona le sue velleità solistiche e continua con Wess fino al 1977.

Poi nasce la figlia e smette di cantare. 

Dopo la parentesi del sequestro in Sardegna, la cantante ritorna alla canzone. 

E lo fa con MAMA DODORI, un album che dedica alla figlia. 

Nel 1983 ritenta Sanremo. Questa volta le va di lusso, piazzandosi al terzo posto ed ottendendo un grosso successo. 

Sempre nel 1983 partecipa ad una bella edizione del Festivalbar con VOLA VIA e nel 1984 partecipa a Premiatissima su Canale Cinque, la Canzonissima dei poveri. Ma meglio dei poveri che niente. 

E giustamente vince il duello con Fantastico sul primo canale Rai.

Nel 1986 lancia la versione italiana di LOVE YOU FOREVER del gruppo hard rock Giuffria: il titolo è NESSUNO MAI PIU’. Con questa canzone partecipa al Festivalbar.

Il 1987 la vede ancora a Sanremo con la bellissima E NON SI FINISCE MAI.

Nel 1989 è la volta de IL CUORE DELLE DONNE, canzone che non ho appositamente voluto mettere in lista, perchè se ne parlerà in un altra occasione, quando arriverà il turno dei suoi album.

Come bonus track, la canzone che ha presentato nel 1971 ad un festival slavo (BLUEBIRDS OVER THE MOUNTAINS) e due canzoni tratte da PREMIATISSIMA. 

L’ultima delle quali è una buona versione della canzone “simbolo” del marito (ma se non l’avesse cantata Mina forse oggi nessuno parlerebbe di F.D.A). 

O Mina, se per una volta ti fossi fatta gli affari tuoi, non andando a ripescare un flop del passato (allora) prossimo!

CD – RACCOLTA

LE MIE CANZONI



01 Vivere Per Vivere (Lai-Califano) (Festival Delle Rose 1967)

02 Isabelle (Testa-Aznavour) (1968)

03 Mi Domandi Con Gli Occhi (Mattone) (1968)

04 Pagina Uno (Testa-De Filippi) (1968)

05 L’Ultimissima Volta (Testa-Cassano) (1968)

06 Casatchock (Guardabassi-Ciotti-Rubaschkin) (1969)

07 Per Un Anno Che Se Ne Va (Lo Vecchio-Vecchioni-Canarini-Francesio) (1969)

08 Occhi A Mandorla (Pallavicini-Soffici) (Sanremo 1970)

09 Quello Là (Le Chemin De Papa) (Lauzi-Delanoe) (1970)

10 Povero Ragazzo (Lo Vecchio-Vecchioni) (1972)

11 Ma Chi E’ Che Cos’è (Ziglioli-Napolitano) (Un Disco Per L’Estate 1972)

12 Adamo Ed Eva (Adamo Et Eva) (Carrère-Petit-Albertelli-Riccardi) (1973)

13 Mamadodori(Minellono-Prudente)(1980)

14 Margherita Non Lo Sa (Avogadro-Prudente) (Sanremo 1983)

15 Vola Via (Avogadro-Prudente) (1986)

16 Nessuno Mai Più (Love You Forever)(Giuffrida-Eisley-Bubola) (1986)

17 E Non Si Finisce Mai(Cogliati-Cassano) (Sanremo 1987)

18 (bonus track) Bluebirds Over the Mountain (Hickey) (1971)

19 (bonus track) Fili (G.Calabrese-Albert) (1984)

20 (bonus track) La Canzone Di Marinella (De Andrè) (1984)

⚫⚫⚫

http://cverdier.blogspot.it/2008/10/sicurissimo-che-questo-post-qualcuno.html

⚫⚫⚫

Dori Ghezzi – Cover Album – Single – CD

⭐ Le mie Canzoni 

⭐ Nessuno mai Più 

⭐ Velluti e Carte Vetrate

⭐ MamaDodori

⭐ Piccole Donne

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...