Archivi giornalieri: 31 dicembre 2016

PATTY PRAVO – XENIA – 28° FESTIVAL MIX MILANO 2014 -” su YouTube

◾◾◾◾◾

Pubblicato il 22 gNon iu 201421/06/2014
La terza serata del 28° FESTIVAL MIX, è stata monopolizzata dalla proiezione di XENIA (PAZZA IDEA) del regista greco Panos H. Koutras, nonostante la presenza nello stesso giorno di altri film altrettanto significativi, come OF GIRS AND HORSES di Monika Treut, TEST di Chris Mason Johnson e IL ROSA NUDO di Giovanni Coda. Per XENIA Il teatro Strehler era pieno in ogni ordine di posti, grazie soprattutto alla partecipazione alla serata di Patty Pravo che con il regista ci ha parlato di se stessa e del film. XENIA, già presentato al Festival di Cannes 2014, contiene infatti un piccolo cammeo di Patty Pravo nel ruolo di se stessa, ma in realtà tutto il film un omaggio alla sua musica ed al suo personaggio.
Il regista Panos H, Koutras era già noto per il suo bellissimo film precedente STRELLA, un’altra storia di un viaggio, in cui un padre cercava il figlio, divenuto transessuale e senza riconoscerlo lo amava, sessualmente parlando. Anche qui si racconta di un viaggio, una odissea, di due giovani adolescenti alla ricerca del padre, ma anche verso l’età adulta. I due protagonisti, interpretati da due bravissimi attori albanesi non professionisti, sono due fratelli, il quindicenne Danny e il diciottenne Odysseus, appena rimasti orfani della loro madre albanese. I due decidono di andare alla ricerca del loro padre, greco, che li aveva abbandonati da piccoli, con l’intenzione di costringerlo a riconoscerli come figli, permettendo così a loro di ottenere la cittadinanza greca. I due fratelli sono diversissimi tra loro. Danny è biondo, gay, molto effeminato e infantile, convive con un coniglio immaginario ed è segretamente innamorato del fratello, Odysseus invece è moro, eterosessuale, virile e con la testa sulle spalle. Ma i due si vogliono molto bene ed hanno una cosa in comune, l’amore per le canzoni di Patty Pravo ereditato dalla madre. Odysseus canta anche benissimo e verrà convinto dal fratello a partecipare ai provini di selezione di un importante talent show greco, ovviamente con una canzone della Patty, Tutt’al più.
Il film è disseminato di citazioni, soprattutto verso la mitologia greca. Il titolo stesso XENIA, che significa ospitalità, richiama ad uno dei principi fondamentali della Grecia antica, oltre ad essere il nome di una catena di grandi alberghi che, come in una metafora, oggi sono in gran parte in rovina. Il film vuole mostrare come questo dovere sacro all’ospitalità venga ora tradito in Grecia (come del resto da noi), sia nel non riconoscere la nazionalità dei giovani figli di stranieri nati in Grecia, che nel chiudere gli occhi davanti a crescenti episodi di xenofobia provocati dall’estrema destra nazionalista. Ma l’argomento serissimo è trattato con leggerezza e umorismo, alternando scene drammatiche ad episodi surreali e grotteschi, il tutto condito con le canzoni della Patty ( oltre a Rumore della Carrà) nella tradizione di altri grandi registi gay come Ozon e Almodovar. La partecipazione straordinaria di Patty Pravo al film non è certo da Oscar, ma basta a dare al film una patina di polvere di stelle.
(RM)

youtube_logo-old.png

Annunci

Patty Pravo – Auditorium Parco della Musica CAVEA” su YouTube

Pubblicato il 12 lug 2014Sara Nolli FT. Davide Como – PATTY PRAVO STAFF
Auditorium Parco della Musica-Cavea. 07/07/2014.
PATTY PRAVO: HA SEMPRE AVUTO RAGIONE LEI.

Lontani i tempi in cui al suo apparire si coprivano gli occhi ai bambini: da anni ormai nelle platee gremitissime dei concerti della Signora, fanno capolino anche i bimbi. In Cavea, lo scorso lunedì, la più piccola creatura avrà avuto sì e no sei anni e sul volto felicità e gratitudine che non hanno paragoni. Quindi,artisticamente,chi aveva ragione a seguire solo se stessa e il proprio istinto? Patty Pravo,non certo i detrattori che ormai non ci sono più e oggi sono costretti a fare retromarcia di fronte alla realtà. La valutazione è oggettiva: i tour di Patty Pravo non perdono un colpo.I numeri parlano,le recensioni pure. La piccola, portata in camerino a salutare l’Artista,alla domanda – Ma perché ascolti proprio me?- ,la semplicità vince: Perché sei bella come le tue canzoni che sono belle anche loro! L’artista risponde che e’ vero e che quando le canzoni sono belle non hanno data di scadenza. Ha ragione lei! Vedi tutti i successi. E non solo.
Quello in Cavea è stato un concerto che non si può raccontare, per ogni singolo brano interpretato si potrebbe aprire un capitolo, perché diventa complesso quando le cose vanno molto bene, saperle raccontare senza falsarle. C’e’ spazio per molte cose ai concerti Strambelliani, compresa la consapevolezza che a certe etichette, quando si è un personaggio di simile impatto,non si sfugge: -Patty, mi fai impazzire anche se sono gay! -Non preoccuparti tesoro, io ho avuto un marito gay! L’ha sempre detto no che siamo tutti esseri?Già saper partire tutti da questo concetto basilare non sarebbe male e quindi: ha ragione lei!
-Santa Subito!- Risposta: per carità! Sottinteso: anche io sono un’umana! Ci dispiace Patty, ma il titolo di Divina Aliena della Canzone te lo tieni, perché stavolta abbiamo ragione noi!
-Vasco dice che sono la sua parte femminile.- in realtà l’Artista canta ‘Un senso’ meglio di lui, quindi mi sa…che ha ragione lei!
-Sono un’interprete, potrei di conseguenza essere un’ottima attrice e la testimonianza è l’interpretazione di Non andare via, roba davvero da girare un cortometraggio. Riceve tre minuti e rotti di applausi con standing ovation totale. Applausi che lei stessa e’ costretta ad interrompere per poter riprendere lo spettacolo. Ci fosse stato Brel avrebbe di nuovo riempito il camerino di fiori per sigillare il fatto che, ancora una volta, solo lei è in grado di trasformare un testo già meraviglioso in un’opera d’arte completa. Patty Pravo si offre completamente e non si risparmia su nessuna canzone, questo il pubblico lo vede, lo sente, lo vive e le rende in cambio altrettanto amore, cantando tutto, soffermandosi ad ammirarla quando cantare diventa difficile perché ci si emoziona troppo. E chi ha ragione quindi quando dice che il palco è la sua vera casa? Lei!
C’è tempo per ricordare, col semplice gesto di accettare una rosa ed inchinarsi al cielo, Ciro Esposito ,che avrebbe dovuto essere presente al concerto se la vita facesse tutto un altro giro.
La scaletta funziona, sono stati inseriti anche brani scelti dai fan attraverso i social, poi è chiaro che non si vorrebbe mai che finisse e che le richieste d’ogni tipo spuntano da ogni dove, ma le ore, ragazzi, sono due ed intense. E ventisei pezzi sostenuti a tale livello non sono affatto pochi.La band che accompagna l’Artista e’ inappuntabile.
Volti noti dello spettacolo si alterano ai fan nelle grida di approvazione. Questo enigma biondo comunica sapientemente e ci sta dicendo che è vero che non è facile, ma vivere e’: passare attraverso- , prima che l’attraverso stesso passi senza averti toccato. Ha ragione lei. Ci sarebbe forse ancora molto da dire, ma e’ meglio un invito: partecipate ad un live di Patty Pravo e, vedrete: le darete ragione anche Voi.

Sara Nolli Ft. Davide Como

solid_color_you_tube_logo.png

PATTYPRAVO Autostop / New York – MONOGRAFIA SINGLE SONG 


PATTYPRAVO

Autostop / New York

 

◾◾◾

 

LATO A

 

 
AUTOSTOP

(Monti-Strambelli-Jeffey-Monti)

 

◾◾◾

 
LATO B

 

 
NEW YORK

(Migliacci-Sims-Paulin)

◾◾◾

Produced by Michael Holm & Rainer Pietsch

Arranged by R. Pietsch

45 giri Rca italiana PB 6342 stereo

◻◻◻

NOTE

Esiste edizione promozionale in vinile giallo Rca PD 35002

Anno 1979