PATTY PRAVO (1968)

PATTY PRAVO (1968)


…io mi sono sempre domandato (e una notte me lo sono domandato così intensamente che non sono riuscito a prendere sonno) come mai escono ogni giorno long playing di cantanti meno bravi e noti di te e non è ancora uscito il tuo. Va a finire che qualcuno può anche sospettare che tu sappia soltanto cantare “Ragazzo triste come me e te…”, “Oggi qui, domani là”, o “Tu mi fai girar come fossi una bambola”. Lo so che tra spettacoli, televisione, radio, caroselli e tournées non hai mai avuto il tempo di chiuderti per una settimana in una sala di registrazione ma, perbacco, che aspetti a trovarlo? Non ti solletica l’idea che la gente possa finalmente apprezzare il gusto e la classe delle tue interpretazioni di “Old man river” o di “Yesterday”? E poi, dacci almeno la possibilità di avere nella nostra discoteca un tua bella foto di copertina formato trentatre giri…


DA UNA TELEFONATA IN FORMA DI RIMPROVERO FATTA A PATTY PRAVO DAL DISC-JOCKEY RENZO ARBORE E PRECEDENTE ALLA REGISTRAZIONE DI QUESTO MICROSOLCO

Con questo amorevole “appunto” di Renzo Arbore, inserito all’interno della copertina del primo album, inizia l’intrigante avventura discografica a 33 giri di Patty Pravo. Dopo due anni esatti dalla firma del contratto con la RCA e nel pieno del successo internazionale del singolo La bambola, i tempi sembrano maturi per proporre al grande pubblico un intero long playing. Oltre a La bambola (il brano che darà il titolo alle stampe dell’album destinate al mercato estero) la scelta delle altre dieci canzoni che compongono il primo microsolco, ricade inevitabilmente e in gran parte, sui recenti successi dell’artista, già pubblicati in versione 45 giri: Se perdo te, Qui e là, Se c’è l’amore, Ragazzo triste.

Non mancano però alcune sorprese, come Yesterday e la cover di To Give (The Reason I Live), diventata Io per lui dopo essere stata portata al successo, in Italia, da I Camaleonti (“Io per lei”). Due brani invece, non sembrano trovare una precisa collocazione in questo album d’esordio, Five foot two eyes of blue e Old man river: il primo, pur essendo un divertissement a ritmo di charleston, risulta alla fin fine più noioso che ironico, mentre il secondo, in un eccesso di interpretazione troppo americanizzata, sfocia nell’effetto caricaturale della parodia.

La vera sorpresa di questa sorta di compilation, in verità non molto ben assortita, rimane, a mio avviso, Ci amiamo troppo (cover di River deep mountain high di Ike & Tina Turner), un brano struggente, trascinante e dirompente, inciso magistralmente da Patty Pravo all’inizio del 1967, insieme ad altre interessanti canzoni (rimaste purtroppo inedite negli archivi RCA). Molto efficace anche la rilettura di I just don’t know what to do with myself, in italiano Se mi vuoi bene, composta da Burt Bacharach.

Un vero peccato, invece, l’esclusione di un brano che sicuramente avrebbe impreziosito l’intero microsolco, ovvero Canzone per te (di Sergio Endrigo), presentata dall’autore al Festival di Sanremo, edizione 1968, in coppia con Roberto Carlos. Di questo brano esiste un rarissimo provino, un’unica versione, tecnicamente imperfetta nel canto e poi mai più corretta e/o ripresa dalla cantante.

Una nota particolare la merita la copertina, realizzata da un’ormai mitico scatto di Fernando Muscinelli. E’ la fotografia di una biondissima e fatale Patty di bianco vestita, appoggiata come una bambola su un divano dai cuscini in pelle rosso fuoco, tipicamente Anni Sessanta. L’ultima Diva, sofisticata e irraggiungibile, “bella e impossibile”, ecco la cifra stilistica scelta e fortemente voluta per la costruzione e il lancio della nuova immagine del personaggio…

L’album, in verità premiato più dal pubblico che dalla critica, ottiene comunque un buon successo di vendite, sia nei confini del nostro Paese (il disco raggiunge anche il primo posto in classifica) che all’estero, dove viene ampiamente distribuito.


Una curiosità discografica: la stampa americana del disco contiene versioni differenti dei seguenti brani: LA BAMBOLA, SE C’E’ L’AMORE, SE MI VUOI BENE e FIVE FOOT TWO EYES OF BLUE.

Rosario Bono – 11.6.2011


http://www.vocidivine.altervista.org/
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...