Archivi tag: CURIOSITÀ

Un abito di Patty Pravo in mostra al “Sanremo Opening 2020”

Un abito di Patty Pravo in mostra al “Sanremo Opening 2020” , Casinò di Sanremo dal 03.02.2020

Opening Sanremo, note e moda per i 70 anni del Festival
Mostra e sfilata dal Casinò presenta Chiara Giallonardo

Nilla Pizzi vincitrice del primo Festival di Sanremo nel 1951 con Grazie dei fior, in abito bianco sartoriale © ANSA

L’abito bianco sartoriale modello new look indossato da Nilla Pizzi nel 1951 quando vinse il primo Festival di Sanremo con “Grazie dei fior” divenne subito imitatissimo. Lo stesso avvenne per il long dress nero realizzato dalla sartoria di Raffaella Curiel nel ’69 per Iva Zanicchi, vincitrice del festival con Zingara. Per non parlare dei capi-scandalo, come quello con spacco abissale di Fausto Puglisi per Belen Rodriguez nel 2012, che mostrò così al pubblico la sua farfallina tatuata sull’inguine. Oppure dell’abito firmato Fernanda Gattinoni per Julia de Palma che turbò il pubblico con Tua, canzone giudicata troppo sexy per l’epoca. Poi l’abito bianco della Sartoria Gulp per Marcella Bella con le sue Montagne verdi, o quello indossato da Mina quando vinse con Le Mille Bolle Blu (collezione Prail de Rado). Sono capi storici, indimenticabili, legati per sempre alle canzoni dell’epoca e alle loro interpreti, e saranno anche loro, non solo i brani, a raccontare 70 anni di storia del Festival della canzone italiana, attraverso la moda e i look passati sul palco del Teatro Ariston in sette decenni, nell’Opening Sanremo 2020, che alla vigilia del Festival della canzone italiana, lunedì 3 febbraio, celebrerà i 70 anni della gara canora, primo appuntamento del progetto Tra palco e città. Il fashion show di 12 capi, sviluppato da Rai Pubblicità, in collaborazione con Rai Teche (per i filmati), sarà presentato da Chiara Giallonardo dal Casinò di Sanremo e andrà in onda nel corso del festival il 4 febbraio. “Che emozione essere qui” rivela in anteprima Chiara Giallonardo al telefono con l’ANSA. “L’Opening sanremo 2020 è una novità assoluta che celebra 69 anni del Festival attraverso gli abiti iconici, le canzoni più belle e le testimonianze dei protagonisti”. Per la moda si ricorda la collaborazione dello Studio Marver che dal 1995 porta le grandi griffe sul palco dell’Ariston. Grande apporto dalla maison Gattinoni che esporrà per l’occasione cinque creazioni appartenenti all’archivio storico Fernanda e Raniero Gattinoni, dichiarato nel 2008 dal ministero per le Attività Culturali, patrimonio storico nazionale. Gli abiti sono quello in duchesse blu con ricami sul decolleté realizzato da Fernanda Gattinoni nel ’53 per la cantante Flo Sandon’s; un long dress con coda in paillette nere e castoni in cristallo, disegnato da Raniero Gattinoni nel 1992 per Alba Parietti nelle vesti di co-presentatrice; un abito in cady rosso bordeaux con cintura in vita e fiocchi fatto da Fernanda Gattinoni nel ’95 per Maria Teresa Ruta; un tubino in paillette oro e ricami di cristallo realizzato da Fernanda Gattinoni nel ’67 per la presentatrice Renata Mauro; infine un abito lungo in cady lurex di colore rosso, firmato Fernanda Gattinoni nel ’73 per la cantante Lara Saint Paul. Tra “i pezzi forti”, la creazione che Gianluca Saitto ha firmato per Patty Pravo, indossato dalla cantante nel Sanremo 2016. Un lungo e scenografico vestito di velluto di seta nero con coda, pensato per sublimare lo stile teatrale della cantante, impreziosito da una costruzione speciale realizzata con tulle color carne per rendere le maniche lunghe quasi sospese e per far sembrare il ramage del ricamo sulla seta simile a un tatuaggio. In mostra c’è lo smoking in shantung di seta bianco e collo a scialle nero ricamato firmato da Carlo Pignatelli e indossato da Achille Lauro lo scorso anno a Sanremo. Ma ci sono tanti altri capi ‘storici’ delle più grandi griffe italiane: Giorgio Armani Privé (Michelle Hunziker), Alberta Ferretti (Rocio Munoz Morales), Francesco Scognamiglio (Giorgia ed Emma), Antonio Grimaldi (Fiorella Mannoia), Pucci (Elisabetta Canalis), Dolce & Gabbana (Simona Ventura), Giorgio Armani (Ines Sastre), Nicola Trussardi (Orietta Berti), Moschino-Jeremy Scott (Hunziker), Gianfranco Ferrè (Andrea Osvart/Bianca Guaccero), Philosophy (Virginia Raffaele), Etro (Bisio), Ferragamo (Carlo Conti), Giorgio Armani (Panariello), Piattelli (Pippo Baudo).

www.ansa.it/sito/notizie/cultura/

RISTAMPA LP “OLTRE L’EDEN” (LIMITED EDITION)

RISTAMPA LP “OLTRE L’EDEN” (LIMITED EDITION)


RISTAMPA LP “OLTRE L’EDEN” (LIMITED EDITION) , Etichetta “Compagnia Nuove Indye”

http://www.instagram.com/p/BrFam5PA3en/

La Compagnia Nuove Indye – CNI Music è una casa discografica italiana attiva a partire dagli anni ’90.

L’etichetta viene fondata all’inizio degli anni ’90 da Paolo Dossena, storico produttore musicale, paroliere e compositore italiano.

Nel corso della sua attività la Compagnia Nuove Indye ha avuto una particolare attenzione verso la musica etnica e dialettale, lanciando artisti come gli Almamegretta o gli Agricantus.

Ha inoltre pubblicato e distribuito diversi altri artisti tra i quali spiccano i nomi di Sud Sound System, Enzo Avitabile, Nidi d’Arac, A3 Apulia Project, Maurizio Capone.

Ha una propria distribuzione ed è presente con i suoi dischi anche nei megastores e nelle catene della grande distribuzione (Mediaworld). Per quanto riguarda il digitale ha un rapporto diretto per tutto il Mondo con la piattaforma iTunes.

https://it.wikipedia.org/wiki/Compagnia_Nuove_Indye

OLTRE L’EDEN – CNDL 19425 – 2006 – Ristampa CD con grafica differente a cura dell’etichetta indipendente “Compagnia Nuove Indye”. L’ordine dei brani è stato modificato rispetto all’edizione originale del 1989 ed il brano “Ragazza passione” è presente in una versione differente, già pubblicata nel 2004 all’interno del cd “8 Marzo e le donne del mondo” (venduto come supplemento del quotidiano “L’Unità”). Il libretto interno al cd contiene, oltre a tutti i testi delle canzoni, alcune fotografie inedite di Patty Pravo risalenti al 1989 ed un’interessante presentazione del disco a cura di Franco Zanetti.


Oltre l’Eden… – 0:00 (Patty Pravo – Giovanni Ullu)
Ragazza passione – 4:23 (Paolo Dossena – Patty Pravo – Tony Carnevale)
Terra di nessuno – 4:28 (Umberto Rivarola)
La viaggiatrice – Bisanzio – 4:27 (Paolo Dossena – Patty Pravo – Tony Carnevale)
Giardino degli aranci – 3:20 (Patty Pravo – Giovanni Ullu)
Cocci di chissà che cosa – 3:36 (Patty Pravo – Giovanni Ullu)
Penelope – 3:10 (Giovanni Ullu)
Un amore – 3:35 (Giovanni Ullu)


LA CAMBIO IO LA VITA CHE … TOUR 2018

PattyPraVo

TOURNÉE

LA CAMBIO IO LA VITA CHE … TOUR 2018

***

SCALETTA:

“Concerto per Patty”

“Tutt’al più”

“Piccina”

“La canzone dei vecchi amanti”

“Non andare via”

“Motherless child”

“A modo mio”

“I giorni dell’armonia”

“Col tempo”

“Ol’ man river”

“Dove andranno i nostri fiori”

“Miss Italia”

“Se perdo te”

“Orient Express”

“E dimmi che non vuoi morire”

“Oltre l’Eden”

“Piramidi di vetro”

“Cieli immensi

“Un senso”

“La viaggiatrice Bisanzio”

“La bambola”

“Tristezza moderna”

“Pensiero stupendo”

“Pazza idea”

***

Raul Rizzardi RitZ’Ó – Facebook / WordPress

Artisti Italiani che hanno venduto di più nella storia!

PRAVISSIMA Curiosità

PattyPraVo

Artisti Italiani che hanno venduto di più nella storia!


DOMENICA , 12 NOVEMBRE 2017

BOXMUSICA  13 agosto 2014

______

Quali sono gli Artisti Italiani che hanno venduto di più nella storia? Primo su tutti Adriano Celentano! Ecco tutte le posizioni!

 1 – Adriano Celentano 150 milioni; 2 – Mina 150 milioni; 3 – Patty Pravo 110 milioni; 4 – Luciano Pavarotti 100 milioni; 5 – Giorgio Moroder 100 milioni; 6 – Toto Cutugno 100 milioni; 7 – Andrea Bocelli 85 milioni; 8 – Umberto Tozzi 75 milioni; 9 – Pooh 70 milioni; 10 – Laura Pausini 70 milioni; 11 – Ennio Morricone 70 milioni; 12 – Domenico Modugno 60 milioni; 13 – Eros Ramazzotti 55 milioni; 14 – Zucchero 55 milioni; 15 – Edoardo Vianello 50 milioni; 16 – Gianni Morandi 50 milioni; 17 – Rita Pavone 50 milioni; 18 – Claudio Villa 45 milioni; 19 – Renato Zero 45 milioni; 20 – Vasco Rossi 35 milioni.
_____________

 

Boxmusica ©Copyright %2016


PATTY PRAVO 29 Giugno 1971: era un Martedì


PRAVISSIMA

RASSEGNA Stampa

PattyPraVo

PATTY PRAVO
29 Giugno 1971: era un Martedì

***


La seconda serata memorabile si verificò pochi mesi dopo, ovvero il 29 Giugno 1971: era un Martedì ed era attesa ad esibirsi la cantante più famosa e di successo dopo Mina: la ragazza del Piper Patty Pravo.

Quando era prevista una sua apparizione televisiva in quegli anni tutte le donne dai 16 ai 35 anni si inchiodavano davanti al televisore per vedere com’era vestita, com’era pettinata e come si atteggiava davanti alle telecamere. Se Mina era sicuramente riconosciuta come la cantante più dotata tecnicamente, grande era il dualismo con Patty Pravo, che era in assoluto la cantante più di tendenza di quegli anni, vera interprete del divismo anni ’60 (allora non esistevano Internet e le tv private, ed i cantanti centellinavano le loro rare apparizioni in tv alimentando il divismo nei loro confronti).

Dopo sei mesi di corteggiamento serrato del suo manager, mio padre era finalmente riuscito ad ottenere la presenza della diva Patty Pravo in un locale perso nella bassa mantovana: il cachet richiesto era talmente alto che il biglietto d’ingresso era passato dalle usuali 1.000 lire per gli uomini e 500 per le donne ad una tariffa unica di 2.500 lire. Tenendo conto che la serata era un Martedì infrasettimanale non era una cosa peregrina temere che poca gente avrebbe presenziato a quella serata.

Ma così non fu, quella sera il locale fece il pienone, del resto la serata era stata ampiamente pubblicizzata dalla stampa locale. Tuttavia la “divina Patty” si comportò proprio come una diva dispettosa: alle ore 23,30 di Lei non c’era ancora traccia. Il pubblico cominciava a spazientirsi ed a fischiare sonoramente la malcapitata orchestra che aveva il compito di condurre la serata danzante prima di lei. All’epoca i cellulari non esistevano e non si poteva sapere dove era finita la cantante. Mio padre annunciò al microfono che sarebbe arrivata a breve: a quel punto vidi di persona il divismo di allora. La folla si diresse tutta verso l’uscita per aspettarla nel parcheggio: non era mai successo prima. A quel punto mio padre partì per andare a cercarla a Suzzara presso il ristorante dove si presumeva avesse cenato, non senza avere prima dato istruzioni di spargere la voce che sarebbe entrata per il cancello di sinistra a fianco della villa, mentre lei sarebbe stata fatta entrare da quello di destra.

A mezzanotte in punto arrivò la Porsche 911 di Patty che, come previsto, si diresse verso il cancello di sinistra con tutte le 2.500 persone al seguito e che si accalcarono intorno all’auto protetta da i carabinieri, ma con a bordo solo la sua inseparabile amica astrologa di allora, mentre Lei entrava tranquilla dal cancello di destra a bordo della macchina di mio padre (una anomima Fiat 1500 color panna).

STUPISCIMI TOUR 2004 – BOOKLET

 

Questo slideshow richiede JavaScript.


STUPISCIMI TOUR

Autori vari
Edito da Idea’s studio Ok print srl Roma 2003
Brochure informativa dello Stupiscimi Tour contenente immagini rielaborate da Claudio Porcarelli, un saluto autografato dell’Artista, il programma dei concerti e i crediti relativi a musicisti, produzione, tecnici.
***
http://www.pattypravoweb.com

Le 5 curiosità su… PATTY PRAVO

PRAVISSIMA CURIOSITÀ

PATTYPRAVO

CURIOSITÀ


Le 5 curiosità su… PATTY PRAVO


1

Patty Pravo nella divina commedia…

Tutti conosciamo la grandissima diva della musica italiana Patty Pravo, nome d’arte di Nicoletta Strambelli, ma in pochi conosceranno l’origine e la scelta del suo cognome d’arte, infatti Pravo deriva da un passaggio dell’inferno dantesco: “guai a voi anime prave” ovvero malvagie.

2

Patty Pravo, medaglia d’argento nelle vendite al femminile

Dal suo debutto nel 1966 ad oggi, quindi più di cinquant’anni di carriera, la ragazza del Piper ha venduto più di 110 milioni di dischi nel mondo. E’ dopo Mina, la seconda artista femminile ad aver raggiunto un tale traguardo di vendite nel panorama musicale italiano.

3

Patty Pravo a Sanremo…

Dieci sono le partecipazioni alla kermesse canora senza centrare mai una vittoria. L’esordio avvenne nel 1970 assieme a Little Tony con la canzone “La spada nel cuore” dove raggiunse un ottimo quinto posto. Detiene tuttavia un record importante, insieme a Mia Martini: ovvero l’aver vinto più di una volta il Premio della Critica (dedicato poi alla stessa Mia Martini). Patty Pravo infatti è risultata vittoriosa nelle edizioni del 1984 con “Per una Bambola” – nel 1997 con “E dimmi che non vuoi morire…” e nel 2016 con “Cieli Immensi”.

4

Patty Pravo e un primato dall’alto

Tante sono le canzoni memorabili interpretate dalla ragazza del Piper, ma “Ragazzo triste” detiene un primato molto particolare, è stata infatti la prima canzone pop a essere trasmessa da Radio Vaticana.

5

Patty Pravo e il gossip

Oltre che per la musica, Patty Pravo è salita alla ribalta anche per la relazione con Riccardo Fogli dei Pooh, lei è stata la causa dell’uscita del cantante dal gruppo nel 1973, quando venne inseguito sostituito al basso da Red Canzian.


_____________
BY FRANCESCO NUCCITELLI POSTED ON AGO 11, 2017

***

Raul Rizzardi RitZ'Ó - Facebook / WordPress

Patty Pravo – Pensiero stupendo (Video Ufficiale)


PENSIERO STUPENDO


PENSIERO STUPENDO un brano musicale scritto da IVANO FOSSATI e OSCAR PRUDENTE

Il pezzo nacque nel 1974 per mano di Oscar Prudente, che ne scrisse sia la musica che il testo, intitolandolo Formule magiche. Il pezzo venne provinato da Gianni Morandi nel corso delle registrazioni dell’LP Mondo di frutta candita (pubblicato nel 1975 ed interamente scritto da Prudente), ma non se ne fece nulla.

In un’intervista per il programma Pop! Viaggio dentro una canzone, Prudente racconta di aver successivamente commissionato un altro testo a Ivano Fossati su richiesta dell’allora discografico CGD Alfredo Cerruti, che era in cerca di una hit per Loredana Bertè. Fossati scrisse dunque una storia sensuale e trasgressiva, in linea col personaggio allora in piena ascesa della Bertè, la quale però non ne apprezzò i contenuti e rifiutò di inciderla, optando per un altro pezzo scritto dal duo Fossati-Prudente e cioè Per effetto del tempo, incluso nell’LP Normale o super (1976).

In un’intervista al settimanale L’espresso, Fossati raccontò che la canzone fu poi proposta per il lancio in Italia di una cantante francese, Jeanne Mas, già popolare in patria  e per la quale era prevista la partecipazione all’edizione 1978 del Cantagiro.

Ma Ennio Melis, direttore generale della RCA a cui fu fatta ascoltare Pensiero stupendo, pensò immediatamente che la canzone fosse perfetta per Patty Pravo. Venne chiamata la cantante, che al momento era senza alcun contratto discografico dopo la rottura con la Ricordi, e nell’autunno del 1977 il brano venne inciso, per poi uscire su 45 giri nel gennaio 1978.

La Pravo registrò più volte il brano in studio, ma alla fine – dopo una session durata circa un paio d’ore – fu convinta dal produttore Antonio Coggio a lasciare il primo take, giudicato già perfetto per l’incisione su disco. Del pezzo esiste una versione con raddoppio vocale rimasta inedita. Questa è possibile ascoltarla nei due passaggi televisivi (il pezzo era presentato in playback) registrati prima della pubblicazione del 45 giri. I due programmi sono: Sim Salabim speciale Natale, trasmesso il 25 dicembre 1977 e condotto dal mago Silvan, e Festa d’Inverno – Disconeve 78, ideato da Vittorio Salvetti e registrato ad Asiago, in onda il 22 gennaio 1978. In entrambi i passaggi televisivi Patty Pravo si esibisce con i capelli rossi, evento piuttosto inconsueto.

Del 45 giri si possono trovare quattro tirature differenti, facilmente identificabili per il cambio di data, da gennaio ad aprile, riportato in copertina. In tutte le copie promozionali (etichetta bianca), e nelle primissime copie commerciali stampate in gennaio (etichetta azzurra) il brano è accreditato al solo Fossati. La foto di copertina è tratta da un concerto dell’estate 1977.

La Pravo, in un’intervista a metà anni 80, disse di essersi subito invaghita del brano perché le ricordava una notte trasgressiva passata al Pipers nei primi anni 60, con Nat e Nick del gruppo beat BlackJack.

Si trattò dell’ennesimo exploit discografico per la cantante veneziana: il singolo entrò in classifica alla decima posizione l’11 marzo del 1978, ed oscillò fra le prime cinque posizione per oltre due mesi, raggiungendo la vetta per due settimane in aprile. Alla fine dell’anno, Pensiero stupendo risultò essere il nono singolo più venduto del 1978.


COVER ED ALTRE VERSIONI

Negli anni successivi sono state incise numerose cover del brano. Una delle più celebri è quella interpretata da Dolcenera che, dopo essere stata presentata dal vivo durante il reality show Music Farm, è stata registrata in studio con il solo accompagnamento del pianoforte ed inclusa nel suo secondo album, Un mondo perfetto, pubblicato nel 2005. La stessa versione è stata poi utilizzata per uno spot televisivo dell’autovettura Hyundai i30, trasmesso nel marzo 2012. Una nuova versione, cantata dal vivo insieme a Loredana Bertè durante il Mardì Gras svoltosi a Torre del Lago nell’agosto 2005, è stata invece inserita nel DVD incluso nell’edizione speciale di Un mondo perfetto, uscito nel novembre 2005.

Un’altra cover tra le più note è quella interpretata dai La Crus nel 2001, cantata con la stessa Patty Pravo e con Manuel Agnelli, leader degli Afterhours, e inclusa nel disco Crocevia. Da questa versione è stato tratto anche un videoclip diretto dal regista Davide Marengo.

Fra le altre cover si elencano qui quelle di Alessandro MOP in Valentina; Beppe Dettori in D’oppio; Lamiss in Profumo di pioggia; Paola Atzeni e Marco Bianchi in Intrecci; ed altre ancora.
L’omonimo brano interpretato da Anna Tatangelo, che è una dedica alla cantante Maria Dal Rovere, non aveva a che fare con quello di Patty Pravo.

La stessa Patty Pravo ha più volte ripreso il brano: nel 1997 ha infatti registrato Pensiero stupendo ’97, e ne ha registrato un duetto con il gruppo milanese La Crus nel 2001 per l’album Crocevia.

Nel 2007 il brano è stato utilizzato per la colonna sonora della campagna pubblicitaria televisiva della Breil con protagonista Charlize Theron, motivo per cui Pensiero stupendo è comparso per molte settimane tra i brani più scaricati sull’iTunes Store, conquistando il suo primo disco di platino per le oltre 15.000 copie digitali vendute.

Una cover di Pensiero Stupendo compare anche all’interno dell’EP Mi Senti della cantante irlandese Róisín Murphy, uscito nel maggio del 2014 e contenente il rifacimento di alcuni brani classici del repertorio italiano.


https://it.m.wikipedia.org/wiki/Pensiero_stupendo/Bello

RaulRizzardilogogogogo~01

YouTube

youtube-77721dbc46ca3ac3e38697568410487e8d29d509b5c191345814faa22f3630c8